T-Index 2011: la classifica dei paesi che contano sul web

Cronologia


Quali paesi hanno il maggiore potere d’acquisto online?


T-Index è un indice statistico che indica la quota di mercato online di ogni paese combinando la popolazione internet e il relativo PIL pro capite.

Questo studio aiuta a scegliere su quali mercati puntare e in quali lingue tradurre un sito web per avere successo online e massimizzare i ricavi derivanti dalla localizzazione.

Lo studio è stato realizzato da Translated, language service provider che da oltre 10 anni offre servizi di traduzione professionale in tutto il mondo, per aiutare i suoi clienti a ottenere il miglior ritorno di investimento (ROI) dalla traduzione di un sito web.

I criteri adottati nella realizzazione di questo studio sono illustrati di seguito.

Proiezione T-Index 2015 | NUOVO!

Trend 2011-2015 paesi con il migliore potere d'acquisto online

Dati 2011

Per saperne di più sul T-Index

Ordina per Paese Ordina per lingua Ordina per area geografica

Trend
2015*
Paesi T-Index
2011
T-Index
proiezione
2015
Lingue Popolazione Internet Penetrazione
Internet
PIL p.c. pop. Internet**
Download CSV
(!) Restrizioni internet.
* Le frecce e il trattino indicano l'andamento del paese nella classifica 2015.
** PIL pro capite della popolazione Internet
Nota: La Popolazione Internet della Corea del Nord e il PIL pro capite della popolazione internet della Città Del Vaticano sono stati stimati dalla nostra agenzia.
1
Stati Uniti 24,4% 16,8% 1 245.000.000 78,2 % $57.627
2
Cina (!) 11,5% 18,8% 1 485.000.000 36,3 % $13.665
3
Giappone 6,6% 4,9% 1 99.182.000 78,4 % $38.690
4
Germania 4,9% 4,1% 1 65.125.000 79,9 % $43.393
5
Regno Unito 3,7% 2,7% 1 51.442.100 82,0 % $41.429
Localizzare un sito per questi 5 mercati permette di raggiungere il 50% del potere d’acquisto online a livello mondiale.
6
Francia 3,4% 3,3% 1 45.262.000 69,3 % $43.529
7
Brasile 3,0% 4,3% 1 75.982.000 37,4 % $22.674
8
Russia (!) 2,9% 3,7% 1 59.700.000 43,0 % $27.909
9
Corea Del Sud 2,5% 2,2% 1 39.440.000 80,9 % $36.287
10
Italia 2,3% 1,3% 1 30.026.400 49,2 % $44.432
11
Canada 2,2% 1,7% 2 26.960.000 79,2 % $47.139
12
Spagna 2,0% 1,9% 2 29.093.984 62,2 % $40.494
13
Messico 2,0% 2,0% 1 34.900.000 30,7 % $32.862
14
Turchia (!) 1,5% 1,8% 1 35.000.000 44,4 % $24.198
15
India 1,5% 1,9% 2 100.000.000 8,4 % $8.396
16
Australia 1,4% 1,2% 1 17.033.826 78,3 % $48.558
17
Taiwan 1,3% 1,1% 1 16.147.000 70,0 % $48.027
18
Iran (!) 1,2% 1,8% 1 36.500.000 46,9 % $18.970
19
Paesi Bassi 1,2% 1,0% 1 14.872.200 88,3 % $45.816
20
Argentina 1,1% 1,5% 1 27.568.000 66,0 % $23.608
Localizzare un sito per questi 20 mercati permette di raggiungere il 80% del potere d’acquisto online a livello mondiale.
21
Polonia 1,1% 1,3% 1 22.452.100 58,4 % $27.306
22
Arabia Saudita (!) 0,78% 1,2% 1 11.400.000 43,6 % $39.398
23
Indonesia 0,72% 0,87% 1 39.600.000 16,1 % $10.480
24
Colombia 0,68% 1,1% 1 22.538.000 50,4 % $17.417
25
Malesia (!) 0,67% 0,66% 1 16.902.600 58,8 % $22.772
26
Thailandia (!) 0,64% 0,79% 1 18.310.000 27,4 % $20.135
27
Svezia 0,62% 0,45% 1 8.397.900 92,4 % $42.431
28
Belgio 0,61% 0,56% 2 8.113.200 77,8 % $43.626
29
Hong Kong 0,54% 0,42% 1 4.878.713 68,5 % $64.356
30
Svizzera 0,53% 0,41% 3 6.152.001 80,5 % $50.059
31
Austria 0,52% 0,44% 1 6.143.600 74,8 % $49.178
32
Repubblica Sudafricana 0,47% 0,33% 2 6.800.000 13,9 % $39.627
33
Singapore 0,46% 0,43% 2 3.658.400 77,2 % $72.719
34
Filippine 0,44% 0,65% 1 29.700.000 29,2 % $8.477
35
Egitto (!) 0,43% 0,65% 1 20.136.000 24,5 % $12.248
36
Norvegia 0,42% 0,35% 1 4.431.100 94,4 % $55.011
Localizzare un sito per questi 36 mercati permette di raggiungere il 90% del potere d’acquisto online a livello mondiale.
37
Venezuela 0,40% 0,57% 1 10.421.557 37,7 % $22.442
38
Nigeria 0,40% 0,63% 1 43.982.200 28,3 % $5.276
39
Cile 0,40% 0,36% 1 9.254.423 54,8 % $25.013
40
Emirati Arabi Uniti (!) 0,38% 0,44% 1 3.555.100 69,0 % $62.025
41
Repubblica Ceca 0,36% 0,33% 1 6.680.800 65,6 % $31.422
42
Grecia 0,36% 0,31% 1 4.970.700 46,2 % $41.707
43
Israele 0,36% 0,36% 1 5.263.146 70,4 % $39.305
44
Danimarca 0,34% 0,25% 1 4.750.500 85,9 % $41.352
45
Peru 0,33% 0,41% 1 9.157.800 31,3 % $20.684
46
Portogallo 0,32% 0,12% 1 5.168.800 48,0 % $35.601
47
Finlandia 0,31% 0,26% 1 4.480.900 85,2 % $40.034
48
Vietnam (!) 0,31% 0,44% 1 29.268.606 32,3 % $6.074
49
Ucraina 0,30% 0,41% 1 15.300.000 33,9 % $11.194
50
Ungheria 0,27% 0,30% 1 6.176.400 61,9 % $25.398
51
Romania 0,27% 0,31% 1 7.786.700 35,5 % $19.797
52
Irlanda 0,27% 0,20% 1 3.042.600 65,1 % $50.608
53
Pakistan 0,21% 0,29% 1 20.431.000 10,9 % $5.877
54
Nuova Zelanda 0,20% 0,13% 1 3.600.000 83,9 % $31.600
55
Marocco 0,19% 0,27% 1 13.213.000 41,3 % $8.520
56
Kazakistan 0,19% 0,32% 1 5.300.000 34,1 % $21.208
57
Slovacchia 0,19% 0,22% 1 4.063.600 74,2 % $27.380
58
Bielorussia (!) 0,16% 0,21% 1 4.436.800 46,3 % $20.951
59
Qatar 0,13% 0,15% 1 563.800 66,5 % $134.330
60
Kuwait 0,13% 0,12% 1 1.100.000 42,4 % $67.806
61
Bulgaria 0,13% 0,11% 1 3.395.000 47,9 % $21.952
62
Algeria 0,12% 0,21% 1 4.700.000 13,4 % $15.358
63
Ecuador 0,12% 0,17% 1 3.352.000 22,3 % $21.003
64
Repubblica Dominicana 0,12% 0,18% 1 4.116.870 41,3 % $16.846
65
Tunisia (!) 0,11% 0,18% 1 3.600.000 33,9 % $17.569
66
Oman 0,10% 0,15% 1 1.465.000 48,4 % $40.689
67
Croazia 0,10% 0,10% 1 2.244.400 50,1 % $26.285
68
Serbia 0,100% 0,15% 1 4.107.000 56,2 % $14.056
69
Azerbaigian 0,099% 0,15% 1 3.689.000 44,1 % $15.556
70
Lituania 0,094% 0,10% 1 2.103.471 59,5 % $25.807
71
Siria (!) 0,086% 0,15% 1 4.469.000 19,8 % $11.148
72
Slovenia 0,083% 0,074% 1 1.298.500 64,9 % $36.930
73
Uzbekistan (!) 0,083% 0,11% 1 7.550.000 26,8 % $6.324
74
Porto Rico 0,074% 0,032% 1 1.486.340 37,3 % $28.835
75
Uruguay 0,072% 0,095% 1 1.855.000 56,1 % $22.528
76
Costa Rica 0,071% 0,074% 1 2.000.000 43,7 % $20.587
77
Lussemburgo 0,067% 0,054% 1 424.500 84,3 % $90.591
78
Cuba (!) 0,066% 0,13% 1 1.605.000 14,5 % $23.651
79
Libano 0,064% 0,077% 1 1.201.820 29,0 % $30.779
80
Guatemala 0,057% 0,088% 1 2.280.000 16,5 % $14.554
81
Panama 0,053% 0,080% 1 959.900 27,7 % $31.650
82
Sudan 0,052% 0,070% 1 4.200.000 9,3 % $7.122
83
Lettonia 0,051% 0,044% 1 1.503.400 68,2 % $19.571
84
Bahrain (!) 0,045% 0,049% 1 649.300 53,5 % $40.267
85
Sri Lanka (!) 0,041% 0,068% 1 1.776.900 8,3 % $13.406
86
Estonia 0,041% 0,031% 1 971.700 75,7 % $24.174
87
Cipro 0,040% 0,026% 1 482.420 43,1 % $48.008
88
Giamaica 0,037% 0,030% 1 1.581.100 55,1 % $13.461
89
Bosnia-Erzegovina 0,037% 0,057% 1 1.441.000 31,2 % $14.659
90
El Salvador 0,035% 0,039% 1 1.035.940 17,1 % $19.710
91
Giordania 0,035% 0,053% 1 1.741.900 26,8 % $11.571
92
Trinidad & Tobago 0,032% 0,046% 1 593.000 48,3 % $31.552
93
Kenya 0,032% 0,049% 1 3.995.500 9,7 % $4.657
94
Brunei Darussalam 0,032% 0,033% 1 318.900 79,4 % $58.325
95
Bolivia 0,031% 0,046% 1 1.225.000 12,1 % $14.830
96
Paraguay 0,030% 0,048% 1 1.104.700 17,1 % $15.676
97
Macedonia 0,029% 0,036% 1 1.057.400 50,9 % $16.080
98
Albania 0,027% 0,050% 1 1.300.000 43,4 % $11.938
99
Macao 0,025% 0,031% 1 280.900 49,0 % $50.756
100
Georgia 0,024% 0,036% 1 1.300.000 28,3 % $10.809
101
Yemen 0,023% 0,023% 1 2.349.000 9,7 % $5.708
102
Honduras 0,022% 0,034% 1 958.500 11,8 % $13.224
103
Angola 0,021% 0,035% 1 607.400 4,6 % $19.834
104
Islanda 0,020% 0,014% 1 301.600 97,0 % $38.906
105
Libia 0,020% 0,026% 1 353.900 5,4 % $33.077
106
Armenia 0,019% 0,017% 1 1.396.550 47,1 % $7.750
107
Uganda 0,018% 0,033% 1 3.200.000 9,2 % $3.309
108
Mauritius 0,017% 0,021% 1 290.000 22,2 % $33.845
109
Ghana 0,017% 0,021% 1 1.297.000 5,2 % $7.488
110
Malta 0,015% 0,012% 1 240.600 58,9 % $36.166
111
Kirghizistan 0,015% 0,023% 1 2.194.400 39,3 % $3.843
112
Moldova 0,014% 0,020% 1 1.333.000 30,9 % $6.255
113
Bahamas 0,013% 0,021% 1 155.820 49,7 % $47.265
114
Iraq 0,012% 0,015% 1 860.400 2,8 % $7.735
115
Botswana 0,011% 0,015% 1 121.600 5,9 % $52.908
116
Bangladesh 0,010% 0,011% 1 1.735.020 1,1 % $3.460
117
Barbados 0,010% 0,014% 1 188.000 65,6 % $31.102
118
Kosovo 0,010% 0,021% 1 377.000 20,7 % $15.489
119
Nicaragua 0,0094% 0,013% 1 600.000 10,6 % $9.059
120
Montenegro 0,0085% 0,011% 1 303.480 45,9 % $16.218
121
Liechtenstein 0,0074% 0,013% 1 23.000 65,3 % $186.275
122
Jersey 0,0070% 0,0067% 1 45.800 48,6 % $88.031
123
Senegal 0,0069% 0,0093% 1 923.000 7,3 % $4.344
124
Camerun 0,0068% 0,012% 1 750.000 3,8 % $5.212
125
Haiti 0,0068% 0,0091% 1 1.000.000 10,3 % $3.909
126
Nepal 0,0067% 0,0084% 1 1.072.900 3,7 % $3.602
127
Gabon 0,0066% 0,0083% 1 98.800 6,3 % $38.612
128
Andorra 0,0064% 0,0094% 1 67.200 79,2 % $55.055
129
Zambia 0,0063% 0,010% 1 816.700 5,9 % $4.450
130
Namibia 0,0063% 0,0077% 1 127.500 5,9 % $28.469
131
Costa D'Avorio 0,0063% 0,010% 1 968.000 4,5 % $3.741
132
Guyana 0,0059% 0,0059% 1 220.000 29,5 % $15.391
133
Suriname 0,0057% 0,0081% 1 163.000 33,1 % $20.181
134
Mongolia 0,0055% 0,0070% 1 350.000 11,2 % $9.132
135
Laos 0,0054% 0,0083% 1 527.400 8,1 % $5.957
136
Tagikistan 0,0052% 0,0094% 1 700.000 9,2 % $4.270
137
Congo 0,0051% 0,0084% 1 245.200 5,8 % $11.923
138
Guernsey 0,0046% 0,0017% 1 48.300 74,2 % $54.562
139
Tanzania 0,0039% 0,0052% 1 676.000 1,6 % $3.373
140
Groenlandia 0,0035% 0,0027% 1 52.000 90,2 % $39.247
141
Santa Lucia 0,0035% 0,0037% 1 142.900 88,5 % $14.214
142
Cambogia 0,0034% 0,0034% 1 329.680 2,2 % $5.950
143
Zimbabwe 0,0032% 0,0030% 1 1.422.000 11,8 % $1.315
144
Afghanistan 0,0032% 0,0066% 1 1.000.000 3,4 % $1.868
145
Seychelles 0,0031% 0,0031% 1 33.900 38,0 % $52.676
146
Antigua E Barbuda 0,0030% 0,0038% 1 65.000 74,0 % $27.118
147
Maldive 0,0030% 0,0043% 1 107.460 27,2 % $16.215
148
Rwanda 0,0030% 0,0050% 1 450.000 4,0 % $3.837
149
Mozambico 0,0027% 0,0043% 1 613.600 2,7 % $2.529
150
Isole Fær Øer 0,0026% 0,0027% 1 37.500 76,1 % $39.674
151
Belize 0,0025% 0,0029% 1 60.000 18,7 % $24.122
152
Turkmenistan (!) 0,0025% 0,0036% 1 80.400 1,6 % $17.755
153
Malawi 0,0025% 0,0041% 1 716.400 4,5 % $1.979
154
Figi 0,0023% 0,0021% 1 120.640 13,7 % $11.048
155
Capo Verde 0,0023% 0,0036% 1 150.000 29,1 % $8.845
156
Swaziland 0,0023% 0,0035% 1 90.000 6,6 % $14.475
157
Saint Vincent E Grenadines 0,0019% 0,0034% 1 76.000 73,2 % $14.472
158
Etiopia 0,0017% 0,0028% 1 447.300 0,5 % $2.151
159
Monaco 0,0016% 0,0013% 1 29.820 97,6 % $30.501
160
San Marino 0,0016% 0,0024% 1 17.000 53,4 % $53.272
161
Papua Nuova Guinea 0,0015% 0,00047% 1 125.000 2,0 % $7.059
162
Grenada 0,0015% 0,0016% 1 33.040 30,5 % $25.758
163
Bhutan 0,0015% 0,0021% 1 53.280 7,5 % $15.956
164
Ciad 0,0014% 0,0020% 1 187.800 1,7 % $4.378
165
Madagascar 0,0014% 0,0023% 1 320.000 1,5 % $2.523
166
Mali 0,0013% 0,0021% 1 250.000 1,8 % $3.055
167
Gambia 0,0013% 0,0019% 1 130.100 7,2 % $5.592
168
Benin 0,0012% 0,00011% 1 200.000 2,1 % $3.423
169
Togo 0,0012% 0,0013% 1 356.300 5,3 % $1.893
170
Guinea Equatoriale 0,0012% 0,0018% 1 14.400 2,2 % $46.245
171
Dominica 0,0011% 0,00094% 1 27.500 37,7 % $24.061
172
Rep Dem Del Congo 0,0011% 0,0014% 1 696.520 1,0 % $880
173
Burkina Faso 0,0011% 0,0015% 1 178.200 1,1 % $3.428
174
Saint Kitts E Nevis 0,0010% 0,00091% 1 22.140 44,0 % $26.825
175
Eritrea (!) 0,00076% 0,0011% 1 250.000 4,2 % $1.749
176
Mauritania 0,00066% 0,00100% 1 75.000 2,3 % $5.050
177
Gibuti 0,00063% 0,00068% 1 58.700 7,8 % $6.164
178
Myanmar (!) 0,00060% 0,00043% 1 110.000 0,2 % $3.170
179
Lesotho 0,00053% 0,00067% 1 76.800 4,0 % $4.015
180
Guinea 0,00041% 0,00056% 1 95.000 0,9 % $2.511
181
Repubblica Centrafricana 0,00038% 0,00038% 1 94.440 1,9 % $2.347
182
Corea Del Nord (!) 0,00037% 0,00061% 1 50.000 0,2 % $4.300
183
Vanuatu 0,00035% 0,00051% 1 17.000 7,6 % $11.799
184
Niger 0,00034% 0,00057% 1 115.900 0,7 % $1.702
185
Somalia 0,00026% 0,00018% 1 106.000 1,1 % $1.433
186
Tonga 0,00026% 0,00042% 1 8.400 7,9 % $17.985
187
Burundi 0,00025% 0,00029% 1 157.800 1,5 % $919
188
Sao Tome E Principe 0,00025% 0,000001% 1 26.700 14,9 % $5.307
189
Samoa 0,00022% 0,00024% 1 9.000 4,7 % $14.387
190
Isole Salomone 0,00022% 0,00021% 1 16.200 2,8 % $7.863
191
Micronesia 0,00021% 0,00018% 1 17.000 15,9 % $7.038
192
Kiribati 0,00020% 0,00016% 1 7.800 7,7 % $14.841
193
Comore 0,00018% 0,00022% 1 24.300 3,1 % $4.209
194
Palau 0,00016% 0,00012% 1 5.400 25,8 % $16.924
195
Guinea Bissau 0,00016% 0,00017% 1 37.100 2,3 % $2.447
196
Sierra Leone 0,00015% 0,000099% 1 40.480 0,8 % $2.087
197
Isole Cook 0,00014% 0,000090% 1 6.000 53,9 % $13.328
198
Isole Marshall 0,000047% 0,000041% 1 4.560 6,8 % $5.973
199
Tuvalu 0,000043% 0,000057% 1 4.300 40,8 % $5.783
200
Città Del Vaticano 0,000041% 0,000048% 1 480 57,7 % $49.595
201
Liberia 0,000032% 0,000062% 1 20.000 0,5 % $938
202
Timor Est 0,000023% 0,000030% 1 2.100 0,2 % $6.342
203
Niue 0,000013% 0,000007% 1 1.100 83,9 % $6.568
204
Nauru 0,000006% 0,000001% 1 300 3,2 % $11.945

Mappa T-Index.

Mappa T-Index

T-Index è un valore percentuale che indica la quota di mercato online di ogni paese combinando la popolazione internet e il relativo PIL pro capite.


Mappa della libertà di espressione su internet | Fonte: Reporter senza frontiere http://en.rsf.org

Censura internet

Per convertire gli utenti internet di determinati paesi in potenziali utenti/clienti spesso non basta tradurre i contenuti di un sito. Nella mappa sovrastante sono stati evidenziati i paesi che hanno delle restrizioni internet.

Per saperne di più sul T-Index


T-Index è stato sviluppato per aiutare le aziende a scegliere su quali mercati puntare e in quali lingue tradurre un sito web per avere successo online.

Quando si deve scegliere tra due potenziali mercati, il T-Index aiuta anche a identificare la combinazione migliore di mercato e lingua nella quale investire per raggiungere nuovi clienti online.

Con un T-Index del 24,4%, gli Stati Uniti sono il mercato con il più alto potere d'acquisto sul web. Coprono 245 milioni di utenti internet in tutto il mondo con un PIL medio pro capite di 57.627 dollari.

Tuttavia, prima di localizzare il sito per gli Stati Uniti, è bene visionare attentamente il mercato locale e le caratteristiche del paese per determinare se è effettivamente possibile accedere a questo mercato.

Hai considerato questi aspetti importanti?

Esempio 1

Un’azienda con sede in Inghilterra ha un sito web in inglese e in spagnolo e vorrebbe tradurlo in un'altra lingua. Dopo un’indagine di mercato, il responsabile marketing capisce che i suoi prodotti avrebbero successo in Francia, Germania e Italia. Consultando il T-Index scopre rapidamente che la Germania, con una quota di mercato pari al 4,9%, è il mercato con maggiore potenziale online perché copre 65 125 000 utenti internet con un PIL medio pro capite di 43.393 dollari. Il T-Index è stato quindi decisivo nella scelta del tedesco come nuova lingua in cui tradurre il sito.

Esempio 2

Un’azienda con sede negli Stati Uniti ha un sito web già tradotto in inglese e in spagnolo e vorrebbe tradurlo in un'altra lingua. Il responsabile marketing consultando il T-Index ordinato per lingua scopre rapidamente che il cinese semplificato, il giapponese e il tedesco sono nel 2011 le lingue con maggiore potenziale online. Cliccando sul più nella tabella di riassunto dei dati per una visione completa sui paesi che questi tre mercati linguistici comprendono, il responsabile riflette però sul fatto che il mercato di lingua cinese comprende due paesi, mentre quelli di lingua giapponese e tedesca ne comprendono solo uno rispettivamente (Giappone e Germania). Dopo aver studiato i mercati di riferimento, il responsabile realizza che la traduzione del sito in cinese sarebbe interessante solo per Singapore a causa di una possibile censura del suo prodotto in Cina. Invece non ha alcun problema ad accedere ai mercati giapponese e tedesco. Ragionando in questo modo si possono determinare i valori reali delle tre lingue per l'azienda:

Il giapponese ha una quota di mercato più alta del tedesco. L’azienda americana sceglie quindi di tradurre il sito in giapponese.

Previsioni 2015


Per calcolare la proiezione dei dati fino al 2015 abbiamo estrapolato una retta passante per i punti dal 2005 al 2011 tramite il metodo della Regressione Lineare Semplice*.

Questo calcolo assume un trend di crescita lineare per tutti i paesi. Se la Cina mantenesse il tasso di crescita che ha avuto dal 2005 al 2009, potrebbe effettivamente superare gli Stati Uniti nel 2015. Tuttavia, confrontando i dati dal 2005 al 2009 con quelli degli ultimi 2 anni, sembra che il trend della Cina subisca un lieve rallentamento, questo potrebbe influenzare la proiezione per il 2015. Il T-Index 2012 stabilirà se il trend sarà effettivamente confermato.

Secondo la proiezione T-Index 2015, la Cina, con una quota di mercato pari al 18,8% contro l’11,5% del 2011, potrebbe spodestare gli Stati Uniti dal primo posto. Gli Usa passerebbero infatti da un potere d’acquisto online del 24,4% nel 2011 al 16,8% nel 2015.

Il Giappone rimarrebbe al terzo posto nonostante la variazione in negativo della quota di mercato rispetto al 2011 pari al -25,7%.

Il Brasile con una variazione della quota di mercato stimata del +43,3% salirebbe al quarto posto, lasciandosi alle spalle la Germania con una variazione in negativo rispetto al 2011 di -16,3%.

La Russia salirebbe dall’ottavo al sesto posto con una variazione del +27,5%.

La Francia scenderebbe di una posizione con una variazione del -2,9%.

Il Regno Unito passerebbe dalla quinta all’ottava posizione con una variazione della quota di mercato del -27% rispetto al 2011.

La Corea del sud resterebbe stabile al nono posto nonostante una variazione del -12%.

Sorpresa del Messico, che entrerebbe nella top 10, prendendo il posto dell’Italia (nel 2015 -43,4% rispetto al 2011).

I paesi emergenti Cina, Brasile, Russia, India, Indonesia, Turchia e Polonia nella previsione 2015 sono tutti in ascesa tranne la Corea del Sud e Taiwan che subirebbero un calo rispettivamente del -12% e del -15,4%. A crescere di più sono Cina (+63,4%), Brasile (+43,3%), Russia (+27,5%), India (+26,6%) e Indonesia (+20,8%).

*Per approfondimenti consultare la pagina Wikipedia:
http://it.wikipedia.org/wiki/Regressione_lineare#Regressione_lineare_semplice

Lo studio

Ipotesi e metodo

T-Index è stato sviluppato per aiutare le aziende a scegliere su quali mercati puntare e in quali lingue tradurre un sito web per avere successo online.

Per ogni paese è stata considerata una sola lingua, tranne nel caso in cui il T-Index superi lo 0,1%; in questo caso i paesi in questione sono stati divisi in più mercati linguistici. La Svizzera, ad esempio, che presenta un T-Index pari a 0,53%, è stata divisa in tre mercati linguistici (tedesco, francese e italiano). La lingua associata a ogni paese è la lingua comunemente utilizzata nel paese per i rapporti commerciali e su internet.

Molte lingue attualmente parlate non vengono utilizzate online. Ad esempio, in molti paesi dell’Africa e dei Caraibi, l’inglese che è la lingua ufficiale ed è molto spesso anche la lingua aggregante, viene ampiamente usata in ambito statale, nella pubblica amministrazione, nel sistema scolastico, nel business e su internet. Nella vita quotidiana, però, quasi tutta la popolazione si esprime utilizzando idiomi locali. Il T-Index ha preso in considerazione soltanto le lingue utilizzate nel business, nella comunicazione scritta e online.

Lingue che subiscono delle variazioni in base alla nazione sono state incluse nella rispettiva lingua standard. Ad esempio inglese UK e inglese USA sono state classificate sotto la lingua inglese.

I territori dipendenti che condividono la stessa lingua dello stato da cui dipendono, sono stati valutati in base alla lingua dello stato da cui dipendono. Se non condividono la stessa lingua, come nel caso di Porto Rico e Stati Uniti, sono stati classificati in base al mercato di lingua a cui appartengono.

Nel T-Index sono stati inclusi tutti i paesi per cui sono noti i dati relativi al numero di utenti internet e al PIL pro capite. Senza questi dati sarebbe stato impossibile effettuare una valutazione.

Inoltre, per determinare il PIL pro capite degli utenti internet, è stato ipotizzato che questi in ogni paese appartengano alla fascia più abbiente della popolazione, quella cioè che ha la possibilità e gli strumenti per accedere alla Rete, fare acquisti online (disponibilità economica, carte di credito etc. etc.).

Prima di tutto, sono state raccolte informazioni sul numero di utenti internet e sulla popolazione totale, ricavando il tasso di penetrazione internet* per ogni paese. E' stato poi analizzato il PIL pro capite di ciascun paese insieme alla distribuzione del reddito per determinare la porzione di PIL che appartiene teoricamente agli utenti internet "PIL pro capite della popolazione internet". Infine, grazie a queste informazioni, a ogni paese è stato assegnato un valore.

Per i paesi in cui i dati sulla distribuzione del reddito non erano noti, abbiamo calcolato la media di distribuzione del reddito per tutti gli altri paesi e utilizzato questa stima.

T-Index è uno strumento utile per le aziende che devono scegliere in quali lingue tradurre il proprio sito web anche se, ci sono altri fattori importanti che devono essere presi in considerazione, come ad esempio domanda e concorrenza all’interno del mercato locale, abitudini dei consumatori e metodi di pagamento utilizzati. La traduzione è il primo passo per attirare nuovi clienti, ma ci si deve concentrare anche su altri elementi chiave, come la qualità dei prodotti / servizi e la semplicità dell’interfaccia per indurre i consumatori all'acquisto.

Esempio

In Giappone, il numero di utenti internet è 99.182.000 su una popolazione totale di 126.475.664, il tasso di penetrazione internet è quindi pari al 78,4%. Nel 2011 il PIL pro capite del Giappone è stato stimato a 34.362,071$. Secondo la distribuzione del reddito per quintili, abbiamo stimato che il 78,4% dei giapponesi più ricchi percepisce l'88,30% della ricchezza del Giappone. Per ottenere il PIL pro capite della popolazione internet, abbiamo semplicemente calcolato:

(popolazione totale x PIL pro capite x parte della ricchezza percepita dagli utenti internet) / numero di utenti internet

Applicato al Giappone: (126.475.664 x 34.362,071 x 88,30%) / 99.182.000.
Il PIL pro capite stimato per la popolazione internet in Giappone è quindi 38.690$.

Per ottenere il valore T-Index, abbiamo moltiplicato il numero di utenti internet per il PIL medio pro capite della popolazione internet. Per il Giappone è: 99.182.000 x 34.362,071$. Infine, per ottenere un valore percentuale per ogni paese, abbiamo diviso il valore T-Index di ciascun paese per la somma dei valori T-Index di tutti i paesi. Questo spiega come sia stato ottenuto un T-Index di 6,7% per il Giappone.

*Il tasso di penetrazione internet è la percentuale di utenti internet in un paese.

Fonti

Le statistiche utilizzate per questo studio si riferiscono a fonti affidabili che elenchiamo di seguito.

Il numero di utenti internet per ogni paese si riferisce al sito internet World Stats, che fornisce statistiche sulla rete con aggiornamenti periodici: http://www.internetworldstats.com/stats.htm. Le statistiche sono aggiornate al 30 giugno 2011.

Per associare paesi e mercati linguistici abbiamo considerato le lingue più diffuse nel business e sul web in ogni paese. Grazie al contributo della nostra rete di traduttori freelance sparsi in tutto il mondo, il T-Index è uno strumento affidabile che riflette la reatà di ogni paese.

La popolazione totale di ciascun paese si riferisce alla Central Intelligence Agency World Factbook (Washington, DC): https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/rankorder/2119rank.html. Le statistiche sono stime dell'US Census Bureau, luglio 2011.

Il PIL (prodotto interno lordo) pro capite si riferisce al Fondo Monetario Internazionale World Economic Outlook Database di settembre 2011. I dati fanno riferimento al 2011 e la valuta considerata è il dollaro internazionale. Per i paesi o i territori in cui PIL pro capite non è stato indicato nel Fondo Monetario Internazionale World Economic Outlook Database, i dati sono stati estratti dalla Central Intelligence Agency World Factbook.

Per determinare se un paese ha un accesso limitato alle informazioni online, abbiamo consultato la classifica proposta dall'organizzazione internazionale non governativa Reporters senza frontiere, disponibile sul sito ufficiale: http://en.rsf.org/internet.html.

Le percentuali di reddito indicate dai quintili si riferiscono ai dati statistici online del Gruppo di Ricerca per lo Sviluppo della Banca mondiale: http://data.worldbank.org/indicator/SI.DST.05TH.20. Non tutti i dati fanno riferimento allo stesso anno (i dati della Banca Mondiale vanno dal 1992 al 2009).

Questo materiale può essere utilizzato e condiviso riportando un link a questa pagina e sottolineando che i dati provengono dallo studio T-Index. Copia e incolla quanto scritto di seguito:

Il T-Index www.translated.net/it/classifica-lingue-t-index è stato realizzato da Translated, Language Service Provider che dal 1999 gestisce 53.000 traduttori in oltre 110 paesi e più di 14.000 clienti. Nel 2008, Translated è stata selezionata dall'Eurispes come impresa rappresentante dell'Eccellenza italiana. Nel mondo, Translated è tra i LSP più innovativi nello sviluppo di processi produttivi per aiutare i traduttori nel loro lavoro.

Credit

Grazie a tutti coloro i quali ci hanno fornito dati e consigli utili (in ordine alfabetico):

Contatti

Per qualsiasi informazione, scrivere a: aurore@translated.net

Tag

T-Index, classifica lingue, lingue che contano, servizio traduzioni, tradurre siti, traduzione siti, lingue nel mondo, classifica lingue, lista lingue, localizzazione siti web, Internet usage, strumenti per lingue, strumenti lingua, utenti internet, lingue online

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni OK