T-Index 2016: la classifica dei mercati online

Cronologia


Quali mercati offrono il maggior potenziale per le vendite online?


T-Index 2016 si basa su un nuovo metodo di calcolo che utilizza l'indicatore HFCE (Household Final Consumption Expenditure; Spesa per consumi finali delle famiglie) invece del PIL. Si forniscono di seguito ulteriori dettagli.

T-Index è un indice statistico che classifica i mercati in base al loro potenziale di vendite online. Esso prevede la quota di mercato di ogni paese rispetto all'e-commerce globale, combinando il numero di utenti Internet per Paese con la stima della loro spesa pro capite.

Lo studio è stato condotto da Translated - agenzia leader di traduzione professionale online - allo scopo di guidare i propri clienti nella scelta dei mercati e delle lingue nel contesto di un progetto di internazionalizzazione e aiutarli a ottenere il massimo ritorno sugli investimenti (ROI).

I criteri adottati nella realizzazione di questo studio sono illustrati di seguito.

Quali mercati offrono il maggior potenziale per le vendite online?

Scarica il comunicato stampa e la sintesi dello studio in questa infografica.


Dati 2016 | NUOVO!

Come interpretare i dati?

Ordina per Paese Ordina per lingua Ordina per area geografica

Trend* Paese T-Index
2016
Proiezione
2020
Lingue Popolazione Internet Penetrazione
Internet
HFCE p.c.
pop.
Internet**
Scarica i dati in formato CSV
(!) Restrizioni Internet
* Le frecce e il trattino indicano l'andamento del paese nella classifica 2020.
** HFCE pro capite della popolazione Internet
*** Il Regno Unito si compone di quattro stati: Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord
(!) Restrizioni Internet
1
Stati Uniti 29,9% 20,6% 1 278.553.524 87,4% $41.217
2
Cina (!) 8,0% 12,7% 1 672.585.110 49,3% $4.551
3
Giappone 7,0% 6,3% 1 115.155.984 90,6% $23.368
4
Germania 5,2% 3,6% 1 69.718.664 86,2% $28.551
Localizzare un sito per questi 4 mercati permette di raggiungere il 50% del potere d’acquisto online a livello mondiale.
5
Regno Unito *** 4,9% 2,7% 1 59.097.955 91,6% $31.706
6
Francia 3,8% 3,7% 1 55.448.304 83,8% $26.517
7
Brasile 3,3% 5,1% 1 118.700.869 57,6% $10.820
8
Italia 2,8% 2,5% 1 38.004.025 62,0% $28.472
9
Canada 2,5% 2,4% 2 30.962.813 87,1% $30.670
10
Russia 2,3% 3,9% 1 101.421.560 70,5% $8.794
11
Australia 2,0% 2,5% 1 19.863.766 84,6% $38.373
12
Spagna 1,9% 1,5% 2 35.355.666 76,2% $20.944
13
Corea Del Sud 1,8% 1,2% 1 42.522.521 84,3% $15.874
14
Messico 1,8% 2,0% 1 55.658.771 44,4% $12.115
15
India 1,3% 1,9% 2 233.152.478 18,0% $2.101
16
Turchia 1,1% 1,5% 1 38.755.870 51,0% $10.917
17
Paesi Bassi 0,99% 0,58% 1 15.703.042 93,2% $24.255
Localizzare un sito per questi 17 mercati permette di raggiungere il 80% del potere d’acquisto online a livello mondiale.
18
Svizzera 0,94% 0,95% 3 7.125.498 87,0% $50.509
19
Argentina 0,79% 1,4% 1 27.808.077 64,7% $10.918
20
Nigeria 0,76% 1,2% 1 75.746.751 42,7% $3.857
21
Polonia 0,71% 0,80% 1 25.305.022 66,6% $10.828
22
Belgio 0,67% 0,64% 2 9.541.426 85,0% $26.929
23
Svezia 0,67% 0,57% 1 8.964.776 92,5% $28.498
24
Austria 0,57% 0,49% 1 6.912.939 81,0% $31.517
25
Arabia Saudita (!) 0,54% 0,81% 1 19.674.729 63,7% $10.435
26
Norvegia 0,52% 0,50% 1 4.946.425 96,3% $40.642
27
Colombia 0,51% 0,83% 1 25.123.935 52,6% $7.820
28
Venezuela 0,50% 0,86% 1 17.495.481 57,0% $11.028
29
Indonesia 0,50% 0,84% 1 43.613.549 17,1% $4.363
30
Repubblica Sudafricana 0,49% 0,91% 4 26.460.956 49,0% $7.137
31
Emirati Arabi Uniti 0,48% 0,51% 1 8.213.870 90,4% $22.654
32
Hong Kong 0,46% 0,46% 1 5.399.412 74,6% $32.400
33
Danimarca 0,43% 0,28% 1 5.413.418 96,0% $30.199
Localizzare un sito per questi 33 mercati permette di raggiungere il 90% del potere d’acquisto online a livello mondiale.
34
Malesia 0,42% 0,54% 2 20.183.848 67,5% $7.905
35
Israele 0,41% 0,56% 1 5.869.832 71,5% $26.564
36
Cile 0,40% 0,55% 1 12.851.275 72,3% $11.890
37
Filippine 0,38% 0,67% 2 39.348.146 39,7% $3.699
38
Finlandia 0,38% 0,32% 1 5.047.270 92,4% $28.794
39
Iran (!) 0,37% 0,65% 1 30.749.524 39,4% $4.610
40
Grecia 0,37% 0,34% 1 6.926.387 63,2% $20.272
41
Thailandia 0,35% 0,45% 1 23.629.594 34,9% $5.603
42
Portogallo 0,33% 0,29% 1 6.715.676 64,6% $19.023
43
Egitto 0,33% 0,51% 1 28.396.755 31,7% $4.398
44
Nuova Zelanda 0,28% 0,27% 1 3.855.794 85,5% $27.778
45
Singapore 0,28% 0,34% 2 4.485.154 82,0% $23.750
46
Irlanda 0,27% 0,19% 2 3.675.876 79,7% $27.834
47
Peru 0,24% 0,35% 1 12.451.205 40,2% $7.372
48
Repubblica Ceca 0,23% 0,29% 1 8.377.972 79,7% $10.745
49
Romania 0,23% 0,28% 1 10.767.866 54,1% $8.359
50
Vietnam (!) 0,23% 0,34% 1 43.831.663 48,3% $2.010
51
Kazakistan 0,19% 0,39% 2 9.489.993 54,9% $7.828
52
Porto Rico 0,16% 0,19% 1 2.795.427 78,8% $22.334
53
Ungheria 0,16% 0,14% 1 7.507.692 76,1% $8.310
54
Ucraina 0,15% 0,32% 2 19.687.499 43,4% $2.855
55
Pakistan 0,14% 0,17% 2 25.536.111 13,8% $2.097
56
Marocco 0,14% 0,20% 2 19.267.244 56,8% $2.778
57
Slovacchia 0,14% 0,14% 1 4.333.721 80,0% $11.955
58
Ecuador 0,12% 0,19% 1 6.838.254 43,0% $6.550
59
Kuwait 0,11% 0,14% 1 2.953.706 78,7% $14.511
60
Kenya 0,097% 0,15% 1 19.470.795 43,4% $1.907
61
Repubblica Dominicana 0,096% 0,14% 1 5.159.267 49,6% $7.148
62
Libano 0,091% 0,15% 1 3.396.440 74,7% $10.321
63
Iraq 0,089% 0,12% 1 3.933.793 11,3% $8.641
64
Sri Lanka (!) 0,087% 0,14% 1 5.324.862 25,8% $6.256
65
Uruguay 0,086% 0,13% 1 2.101.635 61,5% $15.711
66
Guatemala 0,079% 0,11% 1 3.747.626 23,4% $8.137
67
Qatar 0,079% 0,12% 1 1.987.222 91,5% $15.229
68
Algeria 0,078% 0,11% 2 7.043.222 18,1% $4.255
69
Croazia 0,076% 0,079% 1 2.906.263 68,6% $10.089
70
Bielorussia 0,076% 0,11% 2 5.589.194 59,0% $5.238
71
Sudan (!) 0,073% 0,13% 1 9.695.908 24,6% $2.886
72
Bulgaria 0,072% 0,095% 1 4.008.563 55,5% $6.938
73
Siria (!) 0,071% 0,12% 1 6.224.126 28,1% $4.374
74
Lituania 0,070% 0,076% 1 2.112.921 72,1% $12.753
75
Costa Rica 0,068% 0,093% 1 2.350.733 49,4% $11.116
76
Bangladesh 0,065% 0,085% 1 15.271.441 9,6% $1.633
77
Azerbaigian (!) 0,064% 0,11% 1 5.818.072 61,0% $4.250
78
Serbia 0,063% 0,077% 1 3.814.244 53,5% $6.376
79
Angola 0,063% 0,10% 1 5.150.772 21,3% $4.671
80
Cuba (!) 0,062% 0,083% 1 3.413.733 30,0% $7.000
81
Tunisia 0,062% 0,095% 2 5.076.032 46,2% $4.682
82
Slovenia 0,058% 0,058% 1 1.476.342 71,6% $15.081
83
Oman 0,058% 0,097% 1 2.974.559 70,2% $7.473
84
Lussemburgo 0,052% 0,044% 1 526.435 94,7% $37.745
85
Panama 0,050% 0,082% 1 1.737.297 44,9% $11.121
86
Giordania 0,050% 0,075% 1 2.907.080 44,0% $6.544
87
Lettonia 0,045% 0,043% 1 1.509.283 75,8% $11.559
88
Uzbekistan (!) 0,045% 0,071% 1 13.394.978 43,5% $1.277
89
Yemen (!) 0,044% 0,062% 1 5.904.419 22,6% $2.842
90
Paraguay 0,041% 0,066% 1 2.817.583 43,0% $5.642
91
Libia 0,040% 0,036% 1 1.111.596 17,8% $13.785
92
Bolivia 0,039% 0,064% 1 4.121.248 39,0% $3.670
93
Trinidad & Tobago 0,039% 0,055% 1 881.768 65,1% $17.115
94
Cipro 0,037% 0,042% 1 799.831 69,3% $17.722
95
El Salvador 0,036% 0,057% 1 1.813.989 29,7% $7.660
96
Bahrain (!) 0,035% 0,052% 1 1.239.356 91,0% $10.871
97
Estonia 0,033% 0,029% 1 1.106.615 84,2% $11.500
98
Bosnia-Erzegovina 0,033% 0,041% 1 2.321.073 60,8% $5.404
99
Ghana 0,031% 0,045% 1 5.062.667 18,9% $2.332
100
Zambia 0,025% 0,040% 1 2.726.081 17,3% $3.497
101
Macao 0,025% 0,032% 1 403.268 69,8% $23.472
102
West Bank And Gaza 0,024% 0,034% 1 2.304.956 53,7% $4.004
103
Turkmenistan (!) 0,024% 0,026% 1 647.477 12,2% $14.247
104
Islanda 0,023% 0,000001% 1 321.561 98,2% $27.629
105
Georgia 0,023% 0,040% 1 2.202.505 48,9% $3.936
106
Honduras 0,023% 0,034% 1 1.519.089 19,1% $5.693
107
Giamaica 0,022% 0,029% 1 1.102.107 40,5% $7.767
108
Uganda 0,022% 0,037% 1 6.691.364 17,7% $1.277
109
Albania 0,021% 0,037% 1 1.739.579 60,1% $4.702
110
Costa D'Avorio 0,020% 0,022% 1 3.234.938 14,6% $2.412
111
Macedonia 0,018% 0,021% 1 1.412.670 68,1% $4.979
112
Armenia 0,017% 0,031% 1 1.391.849 46,3% $4.810
113
Camerun 0,017% 0,020% 1 2.505.032 11,0% $2.658
114
Mauritius 0,016% 0,023% 1 522.531 41,4% $11.846
115
Zimbabwe 0,015% 0,023% 1 3.032.401 19,9% $1.890
116
Bahamas 0,015% 0,016% 1 294.645 76,9% $19.217
117
Malta 0,014% 0,013% 1 312.732 73,2% $16.991
118
Senegal 0,013% 0,015% 1 2.597.043 17,7% $1.936
119
Nepal 0,013% 0,021% 1 4.350.177 15,4% $1.129
120
Moldova 0,012% 0,020% 1 1.657.282 46,6% $2.854
121
Botswana 0,012% 0,017% 1 410.688 18,5% $11.229
122
Nicaragua 0,012% 0,018% 1 1.058.449 17,6% $4.192
123
Namibia 0,011% 0,018% 1 356.584 14,8% $11.540
124
Mongolia 0,0091% 0,013% 1 785.665 27,0% $4.429
125
Tanzania 0,0090% 0,014% 1 2.518.579 4,9% $1.366
126
Kirghizistan 0,0089% 0,012% 1 1.651.079 28,3% $2.070
127
Barbados 0,0081% 0,0059% 1 217.267 76,7% $14.376
128
Myanmar 0,0081% 0,010% 1 1.122.180 2,1% $2.758
129
Montenegro 0,0078% 0,010% 1 379.298 61,0% $7.865
130
Tagikistan 0,0075% 0,014% 1 1.450.942 17,5% $1.992
131
Papua Nuova Guinea 0,0070% 0,0082% 1 700.084 9,4% $3.855
132
Laos (!) 0,0064% 0,010% 1 953.894 14,3% $2.595
133
Etiopia 0,0061% 0,0085% 1 2.811.803 2,9% $839
134
Afghanistan 0,0061% 0,011% 1 2.020.998 6,4% $1.166
135
Figi 0,0061% 0,0091% 1 370.536 41,8% $6.349
136
Cambogia 0,0061% 0,0083% 1 1.379.532 9,0% $1.699
137
Brunei Darussalam 0,0061% 0,0079% 1 287.042 68,8% $8.120
138
Suriname 0,0058% 0,010% 1 215.730 40,1% $10.227
139
Haiti 0,0057% 0,0068% 1 1.205.211 11,4% $1.803
140
Monaco 0,0051% 0,0037% 1 34.764 92,4% $56.546
141
Guyana 0,0050% 0,0081% 1 285.314 37,3% $6.690
142
Liechtenstein 0,0049% 0,0045% 1 35.500 95,2% $53.272
143
Swaziland 0,0049% 0,011% 1 343.929 27,1% $5.433
144
Andorra 0,0047% 0,0033% 1 69.802 95,9% $25.785
145
Rwanda (!) 0,0046% 0,0078% 1 1.202.204 10,6% $1.466
146
Rep Dem Del Congo 0,0045% 0,0059% 1 2.246.311 3,0% $768
147
Mozambico 0,0044% 0,0077% 1 1.616.647 5,9% $1.039
148
Burkina Faso 0,0039% 0,0058% 1 1.653.385 9,4% $897
149
Gabon 0,0039% 0,0050% 1 165.561 9,8% $8.950
150
Maldive 0,0037% 0,0059% 1 197.613 49,3% $7.155
151
Isole Fær Øer 0,0035% 0,0025% 1 45.646 94,7% $29.397
152
Guinea Equatoriale (!) 0,0030% 0,0054% 1 154.819 18,9% $7.313
153
Mali 0,0028% 0,0032% 1 1.196.022 7,0% $914
154
Congo 0,0025% 0,0043% 1 320.303 7,1% $3.043
155
Capo Verde 0,0025% 0,0043% 1 206.899 40,3% $4.622
156
Belize 0,0024% 0,0024% 1 136.110 38,7% $6.864
157
Benin 0,0023% 0,0035% 1 561.720 5,3% $1.559
158
Madagascar 0,0021% 0,0031% 1 872.153 3,7% $927
159
Santa Lucia 0,0021% 0,0022% 1 93.659 51,0% $8.536
160
Antigua E Barbuda 0,0020% 0,0019% 1 58.176 64,0% $13.093
161
Mauritania 0,0019% 0,0023% 1 424.750 10,7% $1.690
162
San Marino 0,0017% 0,0010% 1 15.671 49,6% $41.397
163
Groenlandia 0,0017% 0,000044% 1 37.549 66,7% $17.123
164
Seychelles 0,0015% 0,0014% 1 49.662 54,3% $11.964
165
Ciad 0,0015% 0,0024% 1 339.676 2,5% $1.705
166
Togo 0,0015% 0,0018% 1 405.564 5,7% $1.412
167
Bhutan 0,0015% 0,0025% 1 262.933 34,4% $2.122
168
Saint Vincent E Grenadines 0,0014% 0,0021% 1 61.767 56,5% $8.596
169
Lesotho 0,0013% 0,0015% 1 232.012 11,0% $2.213
170
Grenada 0,0013% 0,0013% 1 39.753 37,4% $12.685
171
Malawi 0,0013% 0,0021% 1 973.333 5,8% $516
172
Saint Kitts E Nevis 0,0011% 0,0013% 1 35.933 65,4% $11.382
173
Dominica 0,00090% 0,00084% 1 45.474 62,9% $7.636
174
Gibuti (!) 0,00089% 0,0012% 1 93.838 10,7% $3.629
175
Liberia 0,00086% 0,0011% 1 237.854 5,4% $1.380
176
Samoa 0,00085% 0,0011% 1 40.671 21,2% $7.978
177
Gambia 0,00080% 0,0011% 1 300.028 15,6% $1.018
178
Somalia (!) 0,00074% 0,00086% 1 171.436 1,6% $1.646
179
Tonga 0,00070% 0,0011% 1 42.234 40,0% $6.372
180
Guinea 0,00059% 0,00091% 1 211.139 1,7% $1.064
181
Repubblica Centrafricana 0,00058% 0,00094% 1 193.614 4,0% $1.157
182
Niger 0,00055% 0,00086% 1 372.718 2,0% $564
183
Vanuatu 0,00054% 0,00063% 1 48.670 18,8% $4.284
184
Isole Salomone 0,00051% 0,00084% 1 51.495 9,0% $3.796
185
Eritrea (!) 0,00048% 0,00056% 1 50.593 1,0% $3.637
186
Sierra Leone 0,00042% 0,00059% 1 132.628 2,1% $1.209
187
Comore 0,00035% 0,00054% 1 53.745 7,0% $2.492
188
Micronesia 0,00029% 0,00038% 1 30.849 29,6% $3.634
189
Sao Tome E Principe 0,00028% 0,00031% 1 45.486 24,4% $2.374
190
Guinea Bissau 0,00023% 0,00028% 1 59.777 3,3% $1.464
191
Burundi 0,00018% 0,00025% 1 149.273 1,4% $471
192
Isole Marshall 0,00013% 0,00018% 1 8.887 16,8% $5.658
193
Timor Est 0,000083% 0,00012% 1 13.818 1,1% $2.314
194
Kiribati 0,000081% 0,00012% 1 13.533 12,3% $2.294
195
Tuvalu 0,000054% 0,000018% 1 3.660 37,0% $5.662

Mappa T-Index 2016

T-Index è un valore percentuale che indica la quota di mercato detenuta da ciascun paese su Internet. Più alto è il valore T-Index, più è alto il potenziale di vendite on-line dei paesi.

Mappa della libertà di espressione su internet

Per convertire gli utenti internet di determinati paesi in potenziali utenti/clienti spesso non basta tradurre i contenuti di un sito. Nella mappa sovrastante sono stati evidenziati i paesi che hanno delle restrizioni internet. | Fonte: Reporter senza frontiere

Per saperne di più sul T-Index


T-Index è stato sviluppato per aiutare le aziende a scegliere su quali mercati puntare e in quali lingue tradurre il proprio sito web per un'espansione a livello internazionale.

Con un T-Index del 29,9%, gli Stati Uniti sono, nel 2016, il mercato che offre il maggior potenziale per le vendite online. Coprono più di 278 milioni di utenti internet con un valore di HFCE medio pro capite di 41.217 $.

È importante studiare attentamente il mercato locale e le sue caratteristiche prima di localizzare il sito web per gli Stati Uniti: è effettivamente possibile per la vostra impresa accedere a questo mercato?

Hai considerato questi aspetti importanti?

Esempio

Un’azienda con sede in Inghilterra specializzata in articoli per sport invernali ha un sito web in inglese e vorrebbe tradurlo in un'altra lingua europea per raggiungere nuovi clienti online. Dopo un’indagine di mercato, il responsabile marketing capisce che i suoi prodotti avrebbero successo in Germania, Svezia e Norvegia. Consultando il T-Index scopre rapidamente che la Germania, con una quota di mercato pari al 5,2%, è il mercato con maggiore potenziale di vendita online perché copre 69.718.664 utenti Internet con un valore di HFCE medio pro capite di 28.551 dollari.
Il T-Index è stato quindi decisivo nella scelta del tedesco come nuova lingua in cui tradurre il sito.

Proiezione dei Paesi principali fino al 2020 | NUOVO!


Novità e previsioni


Gli Stati Uniti, al primo posto con un T-Index del 29,9%, superano di molto la Cina, al secondo posto con l'8,0%. Il divario di 21,9 punti tra le prime due posizioni della classifica si spiega considerando l'enorme differenza nella spesa media tra la popolazione Internet nord-americana (41.217 $) e quella cinese (4.551 $), sebbene l'utenza Internet cinese sia quasi il triplo rispetto a quella americana, rendendo la Cina il primo Paese al mondo in quanto a Internet users.

Stando alla proiezione T-Index, entro il 2020 la Cina accorcerà rapidamente la distanza dagli Stati Uniti, raggiungendo una quota di mercato pari al 12,7% rispetto al 20,6% di quota degli USA.

Per calcolare la proiezione dei dati fino al 2020, abbiamo estrapolato una retta passante per i punti dal 2005 al 2014 tramite il metodo della Regressione Lineare Semplice*. Questo calcolo assume un trend di crescita lineare per tutti i paesi.

Il Giappone si posiziona al terzo posto con una quota di mercato del 7%, mentre i principali Paesi europei, ovvero Germania, Regno Unito, Francia e Italia si trovano rispettivamente al 4°, 5°, 6° e 8° posto.

Il Brasile è al settimo posto con una quota di mercato del 3,3%, staccando di molto gli altri Paesi del Sud America. Dal 2010 al 2014, il numero di utenti Internet in Brasile è aumentato del 47% raggiungendo i 118 milioni, mentre la spesa media pro capite è arrivata a 10.820 $, con una diminuzione del 14,9%. Argentina e Colombia completano il podio per la regione del Sud America con quote di mercato rispettivamente dello 0,79% e 0,51%.

Si stima che nel 2017 il Brasile subentri al quarto posto, con un aumento della quota di mercato del 34,1% (3,3% nel 2014 contro il 4,5% nel 2017), scavalcando pertanto Germania, Francia e Regno Unito. Entro il 2020 tale quota di mercato potrebbe addirittura raggiungere il 5,1%, mantenendo il quarto posto.

Canada e Russia chiudono la top 10 per il 2016 con valori di T-Index rispettivamente del 2,5% e del 2,3%. Nella classifica 2020 si stima che il Canada scenda all'undicesimo posto, mentre la Russia otterrà risultati sorprendenti balzando dal decimo al quinto posto, con una quota di mercato pari al 3,9% nel 2020, contro il 2,3% del 2016. Dal 2010 al 2014 il numero di utenti Internet in Russia è aumentato del 65,1% raggiungendo i 101 milioni, mentre la spesa media pro capite è diminuita del 4,1% attestandosi a 8.794 $.

L'India, il secondo Paese più popoloso del mondo, si classifica al 15° posto nel 2016 con un T-Index del 1,3%. Con un tasso di penetrazione di Internet basso (18%) e una spesa pro capite in rapida crescita (+22,2% dal 2010 al 2014), l'India ha tutte le carte in regola per diventare un luogo di crescita per l'e-commerce. Secondo le proiezioni, entro il 2020 occuperà il 13° posto davanti a Spagna e Corea del Sud.

Tra i Paesi emergenti che hanno mostrato il maggior aumento della propria quota di mercato tra il 2014 e il 2020 vi sono Ucraina (+118%), Sud Africa (+84,2%), Argentina (+77,8%), Iran (+76,5%) e Filippine (+76,3%).

*Per approfondimenti consultare la pagina Wikipedia.

Lo studio

Ipotesi e metodo

T-Index 2016 si basa su un nuovo metodo di calcolo che utilizza l'indicatore HFCE (Household Final Consumption Expenditure; Spesa per consumi finali delle famiglie) invece del PIL. L'indicatore HFCE rappresenta il valore di mercato di tutti i beni e i servizi acquistati dalle famiglie di ciascun Paese. Questo cambio di variabile nel calcolo del T-Index fornisce una panoramica molto più realistica del potenziale di spesa reale di ciascun Paese relativamente alle vendite online, in quanto tiene conto della spesa totale delle famiglie (HFCE) invece che del valore di produzione complessivo dei beni e dei servizi di un Paese (PIL).

T-Index è stato sviluppato per aiutare le aziende a scegliere su quali mercati puntare e in quali lingue tradurre il proprio sito web per un'espansione a livello internazionale.

Ogni paese è stato classificato in base alla lingua più usata dalla popolazione locale per navigare e fare acquisti on-line. Per ragioni di significatività statistica, la possibile coesistenza di più lingue all'interno dello stesso paese è stata considerata solo nel caso in cui il valore T-index dei paesi in questione superi lo 0,1%. In quest'ultimo caso, solo le lingue utilizzate su Internet quotidianamente da oltre il 15% della popolazione sono state considerate, salvo il caso in cui la o le lingue minoritarie in questione (usate su Internet da meno del 15% della popolazione) sono anche lingue ufficiali a livello nazionale. Ad esempio, la Svizzera, che presenta un T-Index pari a 0,94%, è stata divisa in tre mercati linguistici: tedesco, francese e italiano. Queste tre lingue sono effettivamente utilizzate quotidianamente dai cittadini svizzeri per navigare ed effettuare acquisti on-line. Mentre il francese e il tedesco sono rispettivamente utilizzati da oltre il 15% della popolazione, l'italiano è usato da solo il 7% degli utenti Internet svizzeri, ma è una lingua ufficiale, riconosciuta a livello nazionale in Svizzera, per questo è stata considerata nel T-Index.

Lo studio T-Index ha preso in considerazione soltanto le lingue utilizzate per la navigazione online. Molte lingue non sono ancora rappresentate su Internet oggi, o lo sono molto poco. Infatti, in molti paesi, le lingue parlate nella vita quotidiana dalla maggioranza della popolazione, come ad esempio il kinyarwanda in Ruanda, non sono presenti on-line. Ciò è spesso dovuto a un tasso di penetrazione internet basso, che non permette ai locali di accedere alla rete per creare contenuti nella loro lingua madre. In Ruanda, il 10,6% della popolazione ha accesso a Internet e naviga in inglese in quanto poco o nessun contenuto è stato progettato per e dai ruandesi nella loro lingua nazionale. Questo è il motivo per cui il T-Index classifica il Ruanda nel mercato di lingua inglese.

Lingue che subiscono delle variazioni in base alla nazione sono state incluse nella rispettiva lingua standard. Ad esempio inglese UK e inglese USA sono state classificate sotto la lingua inglese.

I territori dipendenti (ad esempio Porto Rico), che condividono la stessa lingua dello stato da cui dipendono, sono stati valutati in base alla lingua dello stato da cui dipendono. Se non condividono la stessa lingua, come nel caso di Porto Rico e Stati Uniti, sono stati classificati in base al mercato linguistico a cui appartengono.

Lo studio T-Index non copre tutti i Paesi. I Paesi inclusi nello studio sono quelli per i quali è stato possibile trovare i dati relativi all'utenza Internet. In assenza di tali dati sarebbe stato impossibile effettuare la valutazione. I seguenti 10 Paesi, presenti nelle precedenti versioni di T-Index, non sono inclusi in questa nuova edizione a causa dell'assenza di dati sull'utenza di Internet: Isole Cook, Guernsey, Jersey, Kosovo, Nauru, Niue, Palau, Taiwan, Città del Vaticano e Corea del Nord. Tuttavia, i territori palestinesi (Cisgiordania e striscia di Gaza) sono stati inclusi nella nuova classifica 2016.

Al fine di determinare l'indicatore HFCE pro capite della popolazione Internet, abbiamo ipotizzato che l'utenza Web di ciascun Paese appartenga al segmento più ricco della popolazione di tale Paese. Tale ipotesi si basa sull'assunto che nella maggior parte dei Paesi è necessario un reddito minimo per abbonarsi a Internet ed essere in grado di intraprendere attività di e-commerce.

In primo luogo, abbiamo raccolto informazioni relative all'utenza Internet, all'indicatore HFCE e alla popolazione totale, e da queste abbiamo determinato sia il tasso di penetrazione di Internet* e l'indicatore HFCE pro capite per ciascun Paese. Abbiamo poi analizzato il tasso di penetrazione di Internet insieme alla distribuzione del reddito di ciascun Paese al fine di determinare la proporzione di HFCE teoricamente speso dagli utenti di Internet. Infine, al fine di determinare il valore di "HFCE pro capite della popolazione Internet", abbiamo fatto il calcolo seguente: (popolazione totale del paese x HFCE pro capite del paese x % della spesa attribuita all'utenza di Internet) / numero di utenti di Internet

Per i paesi in cui i dati sulla distribuzione del reddito non erano noti, abbiamo calcolato la media di distribuzione del reddito in tutti gli altri paesi e utilizzato questa stima.

Note

T-Index è uno strumento di supporto decisionale per le aziende che si trovano ad affrontare una scelta di mercati e lingue in un progetto di localizzazione del proprio sito web. Esso fornisce una panoramica delle potenzialità di ogni mercato online. Altri fattori, oltre alla mera dimensione assoluta di ciascun mercato, devono essere presi in considerazione per una decisione di ampliamento a livello internazionale: ad esempio, localizzare il tuo sito web per il mercato cinese non ha senso se la tua azienda non ha le capacità logistiche per distribuire i tuoi prodotti sul suolo cinese. Inoltre, la traduzione è il primo passo per attirare nuovi clienti, ma anche altri aspetti chiave, come la qualità dei tuoi prodotti/servizi o la fruibilità del tuo sito web, devono essere ottimizzati in modo complementare per indurre i consumatori all'acquisto.

Esempio

In Giappone, il numero di utenti di Internet è pari a 115.155.984 a fronte di una popolazione totale di 127.131.800 unità. Il tasso di penetrazione di Internet è quindi del 90,6%. Nel 2014, il valore dell'indicatore HFCE pro capite in Giappone è stato pari a 21.931 $. Secondo la distribuzione del reddito per quintili, si stima che il 90,6% della popolazione più ricca in Giappone sia responsabile del 96,5% dei consumi totali del Paese. Per ottenere il "valore di HFCE pro capite della popolazione Internet", abbiamo eseguito un semplice calcolo:

(popolazione totale x HFCE pro capite x % della spesa da parte dell'utenza di Internet) / numero di utenti di Internet

Applicato al Giappone: (127.131.800 x 21.931 x 96,5%) / 115.155.984
Il valore stimato di HFCE pro capite della popolazione Internet in Giappone è quindi pari a 23.368 $.

Per ottenere il valore T-Index, abbiamo moltiplicato il numero degli utenti di Internet per il valore medio di HFCE pro capite della popolazione Internet. Per il Giappone: 115.155.984 x 23.368 $. Infine, per ottenere un valore percentuale per ciascun Paese abbiamo diviso il valore T-Index di ciascun Paese per la somma dei valori T-Index del totale dei Paesi. Questo spiega le ragioni per cui il valore T-Index ottenuto per il Giappone sia pari al 7%.

*Il tasso di penetrazione Internet è la percentuale di utenti internet in un paese.

Fonti

Va osservato che le nostre fonti informative sono state modificate per T-Index 2016. La nuova fonte unificata per i dati su utenza Internet e popolazione totale è il database della Banca Mondiale, che dispone di statistiche più affidabili rispetto al sito Web originario Internet World Stats e al CIA World Factbook, utilizzati come riferimento negli anni precedenti.

Il numero di utenti di Internet di ciascun Paese è tratto dal rapporto della Banca Mondiale “Internet users (per 100 people)”. Le statistiche sono aggiornate al 2014. Per convertire le percentuali in valori interi abbiamo combinato i dati di questo rapporto con quelli del rapporto della Banca Mondiale sulla popolazione totale.

Per associare paesi e mercati linguistici, abbiamo considerato le lingue più utilizzate per la navigazione e lo shopping online in ogni paese. Abbiamo anche cercato l'aiuto della nostra vasta rete di traduttori freelance in tutto il mondo per offrire uno strumento affidabile che rifletta la realtà di ogni paese.

I dati sulla popolazione totale dei vari Paesi sono forniti dalla Banca Mondiale. Le statistiche sono aggiornate al 2014.

I dati relativi all'indicatore HFCE (Household Final Consumption Expenditure; Spesa per consumi finali delle famiglie) sono forniti dalla Banca Mondiale. I dati sono aggiornati al 2014 e vengono forniti in dollari correnti statunitensi. Specifichiamo che le fluttuazioni dei tassi di cambio delle valute nazionali verso il dollaro statunitense hanno un impatto sui valori di HFCE proprio in quanto espresso in dollari statunitensi, e conseguentemente sui valori attuali e stimati del T-Index. Abbiamo comunque scelto di utilizzare i valori di HFCE espressi in dollari statunitensi piuttosto che i valori HFCE espressi in dollari internazionali usando il cosiddetto PPP (purchasing power parity - parità nel potere di acquisto) in quanto il nostro studio mira a stabilire le opportunità nello scenario globale di e-commerce, le quali sono influenzate per l'appunto anche dal valore delle valute nazionali (e dalle fluttuazioni dello stesso determinate dal mercato dei cambi). Per i Paesi o territori per i quali il suindicato rapporto della Banca Mondiale non forniva l'indicatore HFCE, il dato è stato stimato dalla nostra agenzia. La nostra agenzia ha stimato i valori di HFCE dei seguenti 30 Paesi: Andorra, Capo Verde, Gibuti, Etiopia, Figi, Groenlandia, Haiti, Iraq, Kiribati, Libia, Liechtenstein, Maldive, Isole Marshall, Micronesia, Monaco, Myanmar, Papua Nuova Guinea, Samoa, San Marino, Sao Tomé e Principe, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sri Lanka, Suriname, Siria, Tuvalu, Yemen e Zambia.

Per determinare se un paese ha un accesso limitato alle informazioni online, abbiamo consultato la classifica proposta dall'organizzazione internazionale non governativa Reporter senza frontiere, disponibile sul sito ufficiale.

Le percentuali di reddito espresse in quintili sono state estratte dai dati statistici del Gruppo di Ricerca e Sviluppo della Banca Mondiale. Non tutti i dati fanno riferimento allo stesso anno (i dati della Banca Mondiale vanno dal 1992 al 2013).

Questo materiale può essere riutilizzato e condiviso liberamente a condizione che venga riportato un link a questa pagina e che sia chiaramente indicato che le informazioni provengono dallo studio T-Index. Ti preghiamo di copiare e incollare quanto scritto di seguito:

T-Index 2016 (www.translated.net/it/classifica-lingue-t-index) realizzato da Translated, agenzia leader di traduzione professionale online che offre servizi linguistici a oltre 70.000 clienti internazionali da oltre 15 anni.

Crediti

Grazie a tutte le persone che ci hanno fornito dati e consigli utili (in ordine alfabetico):

Contatti

Per qualsiasi informazione, scrivere a: aurore@translated.net

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni OK